Bachelor of Arts in

Design

Iscriviti

Durata del corso

3 anni accademici

Inizio

Ottobre 2024

Lingua

Inglese

Dove

Milano

BA (Hons) in Design

Il BA (Hons) in Design combina una solida base nel design di prodotto e di interni, caratteristiche tecniche con componenti umanistiche, un tratto distintivo della tradizione del grande design milanese e italiano.
Gli studenti di questo programma riconoscono le urgenze del mondo contemporaneo, prima di tutto l’emergenza climatica, e progettano alla luce di queste richieste.

Studio Francesco Faccin

SPD_Studio Francesco Faccin_PH.Credits_Gabriele Tarricone x Studio Francesco Faccin

Studenti che disegnano

Studenti che disegnano del corso bachelor in design

Product

Intern Digital Rendering

Editorial

Caratteristiche

Mentre il primo anno del corso si concentra sui fondamenti del design tridimensionale, dal secondo anno in poi gli studenti affrontano progetti sia nel design di interni che nel design di prodotti, permettendo loro di scegliere il campo professionale che meglio si adatta a loro nel terzo anno.

La scuola promuove, attraverso lezioni e visite, le aziende che stanno producendo nuovi materiali, in modo che gli studenti possano utilizzarli per un design corretto e innovativo per qualsiasi marchio.

I progetti degli studenti saranno esposti ogni anno durante la Settimana del Design di Milano, offrendo loro l’opportunità di presentare il loro lavoro ai potenziali 400.000 professionisti del settore internazionale che visitano la città per questo evento annualmente.

Il BA (Hons) in Design si basa su una strategia di apprendimento mirata a coltivare il talento creativo attraverso l’acquisizione di conoscenze e competenze professionali.

Gli obiettivi principali sono:

  • Insegnare agli studenti una solida metodologia di design, basata sulla cultura storica del progetto italiano.
  • Fornire agli studenti il metodo per padroneggiare tutte le fasi del processo di design, dalla ricerca alla prototipazione.
  • Consentire agli studenti di sperimentare, conoscere e applicare le catene di approvvigionamento e i mercati locali, e collaborare con artigiani e aziende locali per la realizzazione dei progetti.
  • Promuovere l’applicazione di materiali innovativi e metodi di lavorazione sostenibili.
  • Coinvolgere gli studenti in esperienze lavorative, tirocini in azienda e moduli di pratica professionale, promuovendo l’occupabilità e la preparazione professionale nell’industria del design.
  • Promuovere un uso esteso e responsabile delle tecnologie digitali per migliorare l’accesso, la flessibilità e l’autonomia degli studenti.

I candidati sono considerati idonei se hanno completato almeno 12 anni di formazione scolastica prima di conseguire il titolo richiesto.

Qualora nel loro Paese d’origine sia richiesto, i candidati devono aver superato l’esame nazionale di accesso all’università.

Gli studenti la cui lingua madre non è l’inglese devono dimostrare una competenza linguistica equivalente a un punteggio IELTS di almeno 5,5.

Inoltre, è necessario presentare una lettera motivazionale, un portfolio (se disponibile) e partecipare a un colloquio di ammissione.

Dopo il completamento con successo del programma di laurea triennale, gli studenti idonei possono ottenere una laurea di primo livello. Il programma fornisce 360 crediti del Regno Unito, corrispondenti a 180 crediti ECTS. I corsi di laurea sono accreditati dall’Università di Teesside, il partner educativo di SPD.

Il modulo di Professional Practice, programmato nel primo semestre del terzo anno, si estende per 12 settimane e offre un’opportunità preziosa di affrontare sfide del mondo reale all’interno del contesto professionale o accademico.

Durante questo semestre, è possibile scegliere tra tre opzioni distinte:

  • Tirocinio: un’esperienza professionale in un ambiente lavorativo reale;
  • Lavoro di progetto: un’esplorazione approfondita di un argomento di studio particolarmente significativo attraverso un progetto di ricerca all’interno della scuola, in collaborazione con un’azienda;
  • Studio all’estero: un’esperienza di crescita personale e culturale attraverso un periodo di studio all’estero.

Il Major Project rappresenta un doppio ruolo:

  • Serve come culmine dei tuoi sforzi accademici, sintetizzando le conoscenze e le competenze acquisite durante tutto il programma di laurea triennale.
  • Segna il primo passo nella tua carriera professionale nell’industria del design.

Questo progetto non è semplicemente un capitolo conclusivo; è l’apertura di un nuovo capitolo della tua vita.
Il Major Project consiste in un progetto di ricerca individuale che consente agli studenti di approfondire un tema scelto all’interno di un quadro di ricerca o di un brief di progetto proposto dal Responsabile del Corso.

Durante questo progetto, gli studenti avranno l’opportunità di sviluppare la propria ricerca di design sotto la guida del Responsabile del Corso e con il supporto dei Responsabili dei Moduli. Se il Major Project prevede la collaborazione con aziende, gli studenti avranno l’opportunità di lavorare in un ambiente “vicino alla realtà” e acquisire più esperienza pratica.

Dopo aver completato il BA (Hons) in Design presso SPD, sarai ben preparato per iniziare una carriera in vari settori all’interno del settore del design o per intraprendere ulteriori studi.

Le opportunità di carriera possono includere:

  • Studi di design di prodotti
  • Studi di design d’interni
  • Aziende di design di mobili
  • Design di auto-produzione
  • Imprenditore nel settore del design
  • Società di consulenza, in team focalizzati sul design

Francesco Faccin, nato a Milano nel 1977, si è laureato presso l’Istituto Europeo di Design nel 2003 e ha lavorato nello studio di Enzo Mari. Successivamente ha intrapreso la carriera di designer indipendente, collaborando sia con aziende italiane che straniere. A partire dal 2004, si è concentrato sulla creazione di progetti auto-prodotti in piccole quantità, lavorando a stretto contatto con artigiani e supervisionando ogni fase dello sviluppo del prodotto.

Durante questo periodo, ha anche collaborato con il costruttore di modelli e liutaio Francesco Rivolta. Nel 2007, ha debuttato al SaloneSatellite con il tavolo “Quadrato”, che è entrato in produzione e ha fatto parte della collezione permanente di Cosmit. Nel 2009, ha iniziato una collaborazione continua con Michele De Lucchi. Sempre nel 2013, ha presentato una mostra presso la Triennale con oggetti realizzati con rifiuti urbani nelle baraccopoli di Nairobi, intitolata “Made in Slums”. Ha collaborato con numerose aziende italiane e straniere e ha condotto costantemente ricerche attraverso progetti su piccola scala. Il suo lavoro è stato ampiamente pubblicato su riviste nazionali e internazionali.